Notificata una cartella è da oltre UN MILIONE di euro. Imposto il limite per l’uso dei contanti…ma viene allegato il bollettino postale prestampato. 

 

La cifra è altissima: 1.127.132 euro e 75 centesimi. E' quanto ha chiesto Equitalia a M.L., quarantasettenne libero professionista, il cui reddito non raggiunge neppure i trentamila euro annui. Alla vista della cartella pensava di aver letto male. Poi, controllata la cifra ed i dati anagrafici, è scoppiato in una sonora risata, tra il divertito e l'isterico.

In effetti tra le numerose cartelle inviate dall'ente di riscossione questa le supera tutte perché, oltre alla somma esorbitante, l'invito a pagare era accompagnato non solo dalla pretesa di un versamento entro cinque giorni dalla ricezione, ma addirittura da un bollettino postale prestampato. Come se si potesse legalmente pagare in contanti presso un qualsiasi ufficio postale una cifra del genere. Il contribuente, a quel punto, tra l'infuriato e l'incredulo, ha consultato il proprio commercialista a cui ha affidato l'onere di ottenere una risposta da Equitalia: «Fortunatamente non sono un tipo impressionabile - ha dichiarato M.L. - né soffro di cuore. E sono del tutto sicuro che si tratti di un macroscopico errore. Anche perché se possedessi una cifra del genere non starei certo qui a continuare a lavorare. Ma mi chiedo se chi ha inviato quella cartella si sia reso conto di cosa stesse facendo. Se fosse giunta ad un anziano magari con problemi di cuore? Ora attendo una risposta da Equitalia».

Risposta che non si è fatta attendere. «Equitalia precisa - è scritto in una nota - che non c’è stato alcun errore nei confronti del signor M.L. che lamenta di avere ricevuto da parte dell’ente di riscossione una richiesta per 1.127.132 euro e 75 centesimi. Equitalia, nel caso specifico, gli ha recapitato un avviso di intimazione con l’elenco di diversi atti che, nonostante fossero già stati regolarmente notificati al contribuente precedentemente, non sono stati mai pagati». E ancora: «Si ricorda che l’avviso di intimazione - scrive Equitalia  - è un atto previsto dalla legge che consente al debitore, che non ha pagato le cartelle nei termini, di avere ancora cinque giorni di tempo per effettuare il versamento di quanto dovuto  o  di richiedere la rateizzazione delle somme iscritte a ruolo prima dell’avvio delle procedure coattive di riscossione».

Insomma secondo Equitalia il cittadino negli anni non ha effettuato numerosi pagamenti e alla fine si sono accumulati, e si deduce, tra multe e interessi si è raggiunta la cifra «esatta» di oltre un milione di euro.


Equitalia, però, nulla dice su come il cittadino, al di là delle sue responsabilità, potrebbe mai pagare un bollettino postale di quell'importo dimostrando ancora una volta quanta strada ci sia da fare in Italia nella lotta alla burocrazia e alla miope applicazione di norme che a volte sembrano inapplicabili.

E voi che ne pensate? 

Per un controllo sulle vostre posizioni Equitalia o per avere solo delle delucidazioni non esitate a contattarci:

D.I.C.I.E. - DIPARTIMENTO ITALIANO CONTROLLO ILLECITI EQUITALIA

E-MailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono : 0422 456003 

Mob: 349 9480562

Fax: 0422 451267

 

L'associazione deciba ha monitorato con estrema attenzione la situazione bancaria di queste settimane, dato gli ultimi accadimenti, sia storici che attuali della banca senese, la Monte Paschi di Siena le cui vicende vanno avanti da circa 2 anni con continue iniezioni di capitale da parte dei soci e cambi del management.

Deciba ritiene che il richio di vedere il ripetersi delle scene della banca Etruria sia molto elevato, proprio per evitare questo ha rilasciato un comunicato stampa a tutti i risparmiatori della Mps.

Il comunicato stampa è stato rilasciato dopo le ultime parole pronunciate dalla corte dell'Unione Europea di giustizia: <La condivisione degli oneri da parte degli azionisti e dei creditori di obbligazioni subordinate come pre-requisito di una autorizzazione, da parte della Commissione (Ue), per erogare aiuti di Stato a una banca con problemi di capitale non è contraria alla legge Ue>.
Questo significa che prima di salvare le banche con gli aiuti di stato (il famoso bail-out), i soggetti che dovranno salvare le banche saranno i risparmiatori (bail-in), ovvero: gli azionisti, detentori di obbligazioni subordinate, correntisti con conti superiori a 100.000 euro.
E diversi detentori di obbligazioni subordinate emesse da banche, potranno fare la stessa fine dei risparmiatori che avevano sottoscritto bond di Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e CariFerrara.

Di seguito vi riportiamo il comunicato stampa di D.E.C.I.BA.

 

Per chi non fosse ancora a conoscenza dell'avvenimento, “Equiclick” ha fatto il suo ingresso nel mondo dello smartphone!.

In pratica sarà sempre con voi, quando andrete a mangiare una pizza, a comprare dei mobili per la casa, a potare il giardino, insomma, un po' come l'anima gemella, solo che Equitalia di “gemello” non ha proprio niente, se dovessimo trovare un paragone, Equitalia sarebbe la suocera insopportabile.

LA MISSION:  pare proprio che Equitalia stia per arrivare al suo zenit!. Davvero? 

Il premier Renzi ha annunciato la cancellazione di Equitalia per il 2018, l'accadimento sarà graduale, ma non preoccupatevi, la sua anima non vi lascerà da soli. 

Vi riportiamo le sue parole: <Equitalia va cancellata entro il 2018, prima di cambiare il nome, cambiamo il meccanismo. Intanto ti mando per sms tutte le scadenze, poi c’è un’applicazione in cui paghi con un click”>.

 

 

 

 

Il caso: che il futuro fosse lo smartphone non c'era alcun ombra di dubbio, ormai è assodato, pare proprio che Equiclick diventerà Equitalia 2.0, cartelle esattoriali via app: notifiche del fisco via sms, il pagamento dei debiti con un click. 

In parole povere uno stalker, ricordandoti che è sempre con te. Un po' come il ritornello della canzone “non ti scordar mai di me”.

Entro il 2018 questa app avrà un importante crescendo, la riscossione dei debiti Equitalia iscritti a ruolo verrà quindi semplificata e velocizzata.          

Il nostro premier ha rispettato il cerchio della vita, con una cosa che muore, un'altra nasce.

Noi siamo dell'opinione che determinati argomenti non dovrebbero toccare il telefono, bensì, dovrebbero essere “privati”, se ti rubano il telefono? Chiunque potrebbe venire a conoscenza della tua situazione fiscale. 

E voi che ne pensate? Per ogni controllo su Equitalia o qualsiasi delucidazione non esitate a contattarci:

E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono : 0422 456003

Mob: 349 9480562

Fax: 0422 451267

 

 

 

 

 

                      

 

 

 

 

La cosiddetta Sanatoria Equitalia, ovvero il disegno legge sulla rottamazione dei ruoli, procede il suo iter istituzionale. Pare infatti che sia stato affidato alla 6° Commissione permanente del Senato. Scopo della sanatoria, attesa da molti, sarà la possibilità di saldare i propri debiti con Equitalia in modo graduale, senza l’applicazione di interessi o penali; inoltre cancellerà parte del debito diventato insostenibile.

Se la nuova norma appare vantaggiosa per i contribuenti, lo sarà ancor più per lo Stato, il quale potrà recuperare una buona parte di quanto non riscosso.

 

Destinatari del provvedimento saranno i contribuenti in difficoltà finanziaria, sia grave che momentanea. Alla prima categoria appartiene chi ha un debito, iscritto a ruolo, costituito per oltre il 50% da ruoli resi esecutivi prima del 31 dicembre 2010; alla seconda, chi ha debito, iscritto a ruolo, costituito per oltre il 50% da ruoli resi esecutivi prima del 31 dicembre 2012.

 

Il decreto tutelerà sia i comuni cittadini, sia i lavoratori autonomi e le imprese.

Ai soggetti in difficoltà finanziaria, il decreto darà la possibilità di usufruire di un piano di rientro, che dovrà essere obbligatoriamente accettato da Equitalia. Tale piano dovrà includere una rateizzazione e potrà prevedere uno stralcio di parte del dovuto.

 

Per contribuenti in grave difficoltà, il piano prevederà

  • pagamento integrale dell’Iva dovuta
  • pagamento integrale dei contributi dovuti
  • pagamento del 75% dei tributi
  • stralcio integrale delle sanzioni, degli interessi e dell’aggio di riscossione.

 

Per i contribuenti in momentanea difficoltà, il piano è lo stesso, ma lo stralcio tributi si limiterà al 5%.

 

C’è comunque la probabilità che la somma dovuta a Equitalia sia in realtà inferiore, a causa di numerose irregolarità che spesso gravano sulle cartelle dell’ente di riscossione, che potrebbero quindi diventare impugnabili al fine di un annullamento o sospensione del debito. Consultate per maggiori informazioni, contatta il Dipartimento Italiano Controllo Illeciti Equitalia, ente a garanzia D.E.C.I.BA, al sito www.dicie.it o allo 0422456003.

Da ieri 3 maggio 2016 è disponibile un nuovo servizio web sul sito di Equitalia.

Saranno infatti effettuabili da parte del contribuente dei controlli online sulla propria situazione debitoria, si potranno pagare le cartelle, nonché richiedere la rateizzazione fino a 50 mila euro. Inoltre sarà possibile richiedere la verifica dell’esistenza di eventuali procedure in corso o la sospensione della riscossione.

L’area riservata di Equitalia è accessibile con le stesse credenziali utilizzate per i servizi online dell’Agenzia delle entrate o dell’INPS, e operativa 24 ore su 24 tutti i giorni.

Ricapitoliamo le funzionalità possibili:

  • Controllo situazione: è possibile in qualunque momento controllare la propria situazione debitoria per cartelle e avvisi di pagamento e la presenza di eventuali procedure.
  • Rateizzazione: è possibile inviare una richiesta di rateizzazione del debito fino a 50 mila euro.
  • Sospensione: si può inoltrare la domanda di sospensione della riscossione, se si ritiene di non dovere pagare gli importi prima di effettuare verifiche.

 

Se hai dubbi sulla tua situazione debitoria con Equitalia, sappi che anche questo ente commette illeciti, spesso passati sotto silenzio. Verifica la tua situazione con D.I.C.I.E. - Dipartimento Europeo di Controllo Illeciti Equitalia, ente a garanzia DECIBA, a difesa dei contribuenti. Contattaci per qualsiasi informazione, su Facebook e presto sul nostro sito web www.dicie.it

 

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

In collaborazione con:

Contattaci

 

Vai all'inizio della pagina