I titoli bancari cadono su Piazza Affari, la BCE, precisamente, Mario Draghi si pronuncia e garantisce un paracadute libero per le banche in casi eccezionali, non che questo sia un caso “normale”, la corte Europea ha espresso il suo giudizio al riguardo,bocciato il bail-out, le banche prenderanno i loro crediti dai risparmiatori, questa sentenza ha affossato in primis l'Italia, perché aveva introdotto una politica di salva banche, attraverso i soldi pubblici.

La corte europea, tuttavia, lascia uno spiraglio per il bail-out (intervento dello stato per salvare le banche), lo conferma anche Mario Draghi, che oggi ha detto: "E' necessario affrontare la questione dei crediti deteriorati in Europa". Il consiglio della Bce - ha detto ancora - ribadisce di "essere pronto a usare tutti gli strumenti disponibili entro il suo mandato". Un paracadute pubblico per le banche (backstop) "è possibile in casi eccezionali" o quando "il mercato dei crediti deteriorati è sotto pressione" per evitare una loro svendita.

Nel frattempo la Banca Centrale Europea ha lasciato invariati i vari tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento sia principali che marginali e sui depositi presso la banca centrale, vi riportiamo gli indici: 0,00%, allo 0,25% e al -0,40%.

Lo stesso consiglio della Bce rivela: “ che i tassi di interesse di riferimento si mantengano su un livello pari o inferiore a quello attuale per un prolungato periodo di tempo e ben oltre l'orizzonte degli acquisti netti di attività".

L'INTERVISTA A MARIO DRAGHI: QUI

L'associazione deciba ha monitorato con estrema attenzione la situazione bancaria di queste settimane, dato gli ultimi accadimenti, sia storici che attuali della banca senese, la Monte Paschi di Siena le cui vicende vanno avanti da circa 2 anni con continue iniezioni di capitale da parte dei soci e cambi del management.

Deciba ritiene che il richio di vedere il ripetersi delle scene della banca Etruria sia molto elevato, proprio per evitare questo ha rilasciato un comunicato stampa a tutti i risparmiatori della Mps.

Il comunicato stampa è stato rilasciato dopo le ultime parole pronunciate dalla corte dell'Unione Europea di giustizia: <La condivisione degli oneri da parte degli azionisti e dei creditori di obbligazioni subordinate come pre-requisito di una autorizzazione, da parte della Commissione (Ue), per erogare aiuti di Stato a una banca con problemi di capitale non è contraria alla legge Ue>.
Questo significa che prima di salvare le banche con gli aiuti di stato (il famoso bail-out), i soggetti che dovranno salvare le banche saranno i risparmiatori (bail-in), ovvero: gli azionisti, detentori di obbligazioni subordinate, correntisti con conti superiori a 100.000 euro.
E diversi detentori di obbligazioni subordinate emesse da banche, potranno fare la stessa fine dei risparmiatori che avevano sottoscritto bond di Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e CariFerrara.

Di seguito vi riportiamo il comunicato stampa di D.E.C.I.BA.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

In collaborazione con:

Contattaci

 

Vai all'inizio della pagina