Non pignorabile la prima casa

In una recente sentenza la Corte di Cassazione ha ribadito l’impignorabilità, già stabilita dalla legge, della prima casa da parte di Equitalia. Tale impignorabilità è da farsi valere anche qualora Equitalia avesse avviato il procedimento anteriormente all’entrata in vigore della norma.

La Corte ha infatti spiegato che “in tema di espropriazione immobiliare esattoriale, qualora sia stato eseguito il pignoramento immobiliare mediante la trascrizione e la notificazione dell’avviso di vendita ai sensi dell’art. 78 del D.P.R. n. 602 del 29 settembre 1973, ed il processo sia ancora pendente alla data del 21 agosto 2013 (di entrata in vigore dell’art. 52, comma 1, lett. g), del d.l. 21 giugno 2013 n. 69, convertito, 8 con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013 n. 98, ai sensi dell’art. 86 del decreto legge n. 69 del 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 Suppl. Ord. del 20 agosto 2013), l’azione esecutiva non può più proseguire e la trascrizione del pignoramento va cancellata, su ordine del giudice dell’esecuzione o per iniziativa dell’agente della riscossione, se l’espropriazione ha ad oggetto l’unico immobile di proprietà del debitore, che non sia bene di lusso e sia destinato ad abitazione del debitore, il quale ivi abbia la propria residenza anagrafica“.

Perché la prima casa non sia pignorabile devono dunque ricorrere specifiche condizioni:

- dev’essere l’unico immobile posseduto; qualora si fosse in possesso di un altro qualunque immobile, anche un piccolo terreno agricolo, entrambi i beni diventano pignorabili;

- è necessario avervi la residenza anagrafica;

- non dev’essere un immobile di lusso;

- l’abitazione deve avere come destinazione catastale quella abitativa.

Se manca anche solo una di queste condizioni, Equitalia può iscrivere ipoteca sull’immobile, se il debito ammonta almeno a 20.000 euro, e procedere al pignoramento se il debito raggiunge almeno 120.000 euro.

SENTENZA 19270/2014

Download allegati:
Vota questo articolo
(0 Voti)

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

In collaborazione con:

Contattaci

 

Vai all'inizio della pagina